minus
plus

“Io cerco dei segni, ma di che cosa? Qual è l’oggetto della mia lettura? E’: sono amato (non lo sono più, lo sono ancora)? E’ il mio futuro che cerco di leggere decifrando in quello che c’è scritto sopra, con un procedimento affine alla paleografia e alla mantica, l’annuncio di ciò che sta per accadermi? [...]

continua...

Mi spettavo questo momento. Mi capita praticamente da sempre che nel momento in cui un’idea inizia a prendere una forma reale io mi chieda il perché di quella idea.  Mi chiedo come è nata l’idea, quando ha smesso di fluttuare nella mia testa e quando si è arresa a farsi contenere in una forma. L’origine [...]

continua...

“Paura significa una cosa soltanto, abbandonare il conosciuto ed entrare nello sconosciuto. Il Coraggio è l’esatto opposto della Paura. Sii sempre pronto ad abbandonare il conosciuto, desideroso di abbandonarlo, senza neppure aspettare che sia giunto a maturazione. Tuffati semplicemente in qualcosa di nuovo. La sua stessa novità, la sua stessa freschezza è cosi attraente. Allora [...]

continua...

08
dic

Accompagno i bambini alla fermata dello scuolabus e al rientro, il tempo di chiudere la bottiglia del latte e i barattoli di marmellata e di riporli in frigo e di corsa alla tastiera… Io blogger!!! Non l’avrei mai  detto. Non ho mai amato scrivere, anzi. A scuola, quando c’era compito in classe di italiano, il [...]

continua...

08
dic

Balcone di legno e vetro sulla città. Canale e luci. Sigaretta. Fa un “cane freddo” come dice mio figlio Ernesto di quattro anni. Trasferita a Dublino da più o meno sette ore. Ancora nessuna connessione alla rete: da brava sconnessa scrivo questo primo post la prima sera della mia nuova vita. Al piano di sopra [...]

continua...